XXXIII Domenica delle ferie del Tempo Ordinario – Anno C

« Questo vi darà occasione di render testimonianza »

L’esperienza dei martiri e dei testimoni della fede non è caratteristica soltanto della Chiesa degli inizi, ma connota ogni epoca della sua storia. Nel secolo ventesimo, poi, forse ancor più che nel primo periodo del cristianesimo, moltissimi sono stati coloro che hanno testimoniato la fede con sofferenze spesso eroiche. Quanti cristiani, in ogni Continente, nel corso del Novecento hanno pagato il loro amore a Cristo anche versando il sangue! Essi hanno subito forme di persecuzione vecchie e recenti, hanno sperimentato l’odio e l’esclusione, la violenza e l’assassinio. Molti Paesi di antica tradizione cristiana sono tornati ad essere terre in cui la fedeltà al Vangelo è costata un prezzo molto alto. Nel nostro secolo “la testimonianza resa a Cristo sino allo spargimento del sangue è divenuta patrimonio comune di cattolici, ortodossi, anglicani e protestanti” (Tertio millennio adveniente, 37)

Sono testimone io stesso, negli anni della mia giovinezza, di tanto dolore e di tante prove. Il mio sacerdozio, fin dalle sue origini, “si è iscritto nel grande sacrificio di tanti uomini e di tante donne della mia generazione” (Dono e Mistero, p. 47). L’esperienza della seconda guerra mondiale e degli anni successivi mi ha portato a considerare con grata attenzione, l’esempio luminoso di quanti, dai primi anni del Novecento sino alla sua fine, hanno provato la persecuzione, la violenza, la morte, per la loro fede e per il loro comportamento ispirato alla verità di Cristo.

E sono tanti! La loro memoria non deve andare perduta.

Giovanni Paolo  II
Omelia per la commemorazione dei testimoni della fede del secolo XX, 7 maggio 2000

About Giuseppe Parrilla