Catechismo

Anno catechistico 2012-2013

 

“RIMANETE SALDI NELLA FEDE”

 

Itinerario di catechesi per la vita cristiana

 

Classe

Catechisti

giorno e ora

Il elementare

Saccomanno Nicoletta, La Spada Anna Maria

Sabato-Mercoledì 15,30

III elementare

Nobile Lucia, Cappellano lvana e De Trovato Anna

Sabato ore 15,30

IV elementare

Abate Patrizia, Bartolone Maria Carmela

Domenica ore 9,15

V elem./ I med.

Nania Celestina, Scilipoti Nataly, Torre Cristian

Mercoledì ore 16,00

IV elementare

(Convento)

Mazzeo Concettina, Genovese Tiziana

Lunedì ore 15,30

II-III media

Trifilò Marilena, Cappellano Ivana, Nobile Lucia, De Trovato Anna

Sabato 17,00

Scuole superiori (l-V)

Santino e Maria Teresa Raimondo

Venerdì ore 16,00

Gruppo giovani adulti

P. Giuseppe

Venerdi ore 21.00

Gruppo giovani

P. Giuseppe, La Rosa Nino, Maiorana Tonino

Giovedì ore 19:30

Gruppo ministranti

Ragazzi/giovani

Tonino Siracusa

Gruppo Fidanzati:

in cammino verso il Matrimonio

P. Giuseppe, Fam. La Rosa, Fam. Maiorana, Fam. Raimondo

Da concordarsi a partire da novembre

Gruppo Adulti

“Incontriamo la Bibbia”

P. Giuseppe, MaioranaTonino

Mercoledì ore 19:30

Gruppo giovani adulti Cresima

Concetta Perdichizzi, Nania Elena

Mercoledì ore 19.30

Preparazione famiglie al sacramento del battesimo dei figli

P. Giuseppe, Fam. La Rosa, Fam. Raimondo, Fam. Maiorana

Incontri da concordare con le famiglie

 

L’ ultimo giovedì di ogni mese, a conclusione della giornata eucaristica, preghiera animata dai catechisti.

 

I giorni e l’orario sono da considerarsi provvisori. Possono subire variazioni tenendo conto di alcune esigenze.

 


 

 

 

Incontri di catechesi 2010 – 2011:

II elementare sabato ore 15.30; III elementare mercoledì ore 15.30; IV elementare mercoledì ore 15.30; V elementare sabato ore  15.30; I media sabato ore 15.30; II e III media sabato ore 15.30; Superiori e gruppo giovani mercoledì ore 19.30; Cresima adulti martedì ore 19.30 a partire dal 09/11/2010.

 

Vita cristiana

(clicca sull’immagine a lato per aprire il documento)

La vita di ogni cristiano è segnata da tappe significative, attraverso le quali si evidenzia il modo più vero di camminare, con la Chiesa, incontro al Signore. Alcuni di questi traguardi, che si chiamano SACRAMENTI, possono essere raggiunti durante la vita di ogni persona.

Nella Chiesa vi sono sette sacramenti che manifestano il Mistero della comunione del Dio Amore, fonte di gioia e di luce: il Battesimo, la Confermazione o Crismazione, l’Eucaristia, la Penitenza, l’Unzione degli infermi, l’Ordine, il Matrimonio.

Il Sacertote propone ai fedeli iniziative tese a ravvivare e consolidare il desiderio di ripresa e approfondimento della fede cristiana. Organizza periodicamente Corsi di preparazione ai Sacramenti, è disponibile per la Confessione, offre ascolto e confronto assicurando una catechesi permanente al servizio della persona.

 

Il Battesimo

Il santo Battesimo è l’ingresso alla vita nello Spirito, è la porta d’accesso agli altri sacramenti. Chi lo riceve diventa a pieno titolo figlio di Dio e membro della Chiesa; liberati dal peccato i battezzati sono uniti a Cristo e al suo sacrificio mediante l’offerta di sé e della loro esistenza. «Tutte le loro opere, le preghiere e le iniziative apostoliche, la vita coniugale e familiare, il lavoro giornaliero, il sollievo spirituale e corporale, se sono compiute nello Spirito, e persino le

molestie della vita se sono sopportate con pazienza, diventano sacrifici spirituali graditi a Dio per Gesù Cristo» (Lumen Gentium, n. 34).

Il Battesimo è il più bello e magnifico dei doni di Dio. Lo chiamiamo dono, grazia, unzione, illuminazione, veste d’immortalità, lavacro di rigenerazione, sigillo, e tutto ciò che vi è di più prezioso. Dono, poiché è dato a coloro che non portano nulla; grazia, perché viene elargito anche ai colpevoli; Battesimo, perché il peccato viene seppellito nell’acqua; unzione, perché è sacro e regale (tali sono coloro che vengono unti); illuminazione, perché è luce sfolgorante; veste, perché copre la nostra vergogna; lavacro, perché ci lava; sigillo, perché ci custodisce ed è il segno della signoria di Dio [San Gregorio Nazianzeno, Orationes, 40, 3-4: PG 36, 361C].

La grazia del battesimo è il fondamento sul quale costruire il dialogo e la cooperazione nelle cose piccole e grandi che la vita ci propone.

 

L’Eucaristia

La Santa Messa segna il momento più alto della preghiera cristiana. L’Eucaristia che si custodisce in Chiesa, perché ciascuno possa trascorrere qualche momento di adorazione, preghiera e riflessione, prolunga la presenza del Signore in mezzo a noi. “Ecco, io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo”.

“Il nostro Salvatore nell’ultima Cena, la notte in cui veniva tradito, istituì il sacrificio eucaristico del suo Corpo e del suo Sangue, col quale perpetuare nei secoli, fino al suo ritorno, il sacrificio della croce, e per affidare così alla sua diletta Sposa, la Chiesa, il memoriale della sua Morte e Risurrezione: sacramento di pietà, segno di unità, vincolo di carità, convito pasquale, “nel quale si riceve Cristo, l’anima viene ricolmata di grazia e viene dato il pegno della gloria futura”” [Conc. Ecum. Vat. II, Sacrosanctum concilium, 47].

Il Papa ha indetto l’Anno dell’Eucaristia (ottobre 2004 – ottobre 2005), una importante occasione pastorale perché l’intera comunità cristiana sia ulteriormente sensibilizzata a fare di questo mirabile Sacrificio e Sacramento il cuore della sua vita.

Preghiera a Gesù Eucaristia di Giovanni Paolo il

Mane nobiscum, Domine

Come i due discepoli del Vangelo, ti imploriamo, Signore Gesù: rimani con noi! Tu, divino Viandante, esperto delle nostre strade e conoscitore del nostro cuore, non lasciarci prigionieri delle ombre della sera. Sostienici nella stanchezza, perdona i nostri peccati, orienta i nostri passi sulla via del bene. Benedici i bambini, i giovani, gli anziani, le famiglie, in particolare i malati. Benedici i sacerdoti e le persone consacrate. Benedici tutta l’umanità. Nell’Eucaristia ti sei fatto “farmaco d’immortalità”: dacci il gusto di una vita piena, che ci faccia camminare su questa terra come pellegrini fiduciosi e gioiosi, guardando sempre al traguardo della vita che non ha fine. Rimani con noi, Signore! Rimani con noi! Amen.

 

Il Sacramento della Penitenza/Riconciliazione/Confessione

Il ministero della riconciliazione dell’uomo con Dio e con i fratelli è, insieme alla celebrazione della Messa, il cuore del servizio pastorale di ogni sacerdote.

Il Sacerdote, è costantemente disponibile per le confessioni o per una fraterna conversazione. Lo spazio per l’ascolto di ciascuno diventa anche strumento di reciproca conoscenza e fraternità.

Per fare una buona Confessione, sono necessari i seguenti momenti:

1. esame di coscienza, a partire dall’ultima confessione benfatta;

2. pentimento sincero dei peccati commessi;

3. proposito fermo di essere più vigilanti per l’avvenire;

4. accusa umile e completa, davanti al sacerdote, di tutti i peccati gravi e, possibilmente, anche di quelli veniali;

5. preghiera  o  opera  di penitenza, come  atto  di  riparazione per  le conseguenze       causate dai propri peccati.

 

SCHEMA PER L’ESAME DI COSCIENZA

Io sono il Signore Dio tuo(Es. 20, 1)

Non avrai altro Dio fuori di me(I Comandamento)

Credi in Dio, speri in lui, lo ami sinceramente o hai altri interessi più importanti di lui? Lo preghi e lo ringrazi con rispetto filiale? Testimoni la tua fede anche davanti agli altri? Condividi dottrine o mentalità contrarie alla fede cristiana? Sei superstizioso? Credi ai maghi? Ti lasci condizionare dagli oroscopi?

Non nominare il nome di Dio invano(II Comandamento)

Ti ribelli nei momenti di difficoltà della vita? Nomini con poco rispetto il nome santo di Dio, della Madonna e dei Santi? Bestemmi?

–     Hai fatto voti e giuramenti senza mantenerli?

Ricordati di santificare le feste(III Comandamento)

Partecipi attivamente alla santa Messa la domenica e le altre feste di precetto?

–     Hai lavorato nei giorni festivi senza una vera necessità?

 

 

La Cresima

Non è una cerimonia da fare in vista del matrimonio, è il punto di arrivo di un cammino di verifica e di approfondimento della dottrina cristiana, nel quale l’aspetto più importante è proprio la preparazione.

Non è un problema individuale e la preparazione va fatta in gruppo – in parrocchia – ed esige un congruo periodo di tempo.

Il sacramento della Confermazione costituisce l’insieme dei “sacramenti dell’iniziazione cristiana”, rafforza la grazia battesimale e coloro che  lo ricevono sono arricchiti  di  una  particolare forza  per operare come veri testimoni di Cristo con l’aiuto dello Spirito Santo.

 

 

 

Il Matrimonio

Gesù Cristo ha elevato a dignità di Sacramento il patto matrimoniale con cui l’uomo e la donna stabiliscono tra loro la comunità di tutta la vita, dove l’educazione dei figli, le gioie e i dolori, la donazione e il perdono si uniscono per formare un vincolo d’amore totale e assoluto.

In tutte le parrocchie, più volte l’anno, vengono organizzati Corsi in preparazione al Matrimonio.

Il Corso consta di almeno sei / otto incontri, nei quali alcuni professionisti (medico – psicologo – legale) ed alcuni sacerdoti, propongono riflessioni sulle specifiche materie in vista del Matrimonio. La partecipazione al Corso di preparazione è obbligatoria in vista delle nozze e, anche se è consigliabile intervenire agli incontri insieme, può essere effettuata anche separatamente dai nubendi: si può fare nella Parrocchia dello Sposo o della Sposa o in altre dove l’orario e le modalità sono più confacenti:  non è sostituibile con qualche conversazione fatta con  il Sacerdote.

 

 

I corsi di catechesi che si tengono nella nostra parrocchia sono:

Sacramento della Prima Confessione o Perdono

Sacramento della Prima Comunione

Sacramento della Cresima o Confermazione

Incontro fidanzati

About the Author